ricette per la tua tranquillita

Il BLOG di Tiziano Bassani

tiziano bassani medico finanziario

Quante volte sei andato in banca o ti sei trovato davanti al tuo consulente di fiducia e dopo aver firmato dei documenti, sei ritornato a casa disorientato, quasi vergognandoti di te stesso per non aver compreso ciò che hai sottoscritto?

Non temere, solo il 37% degli Italiani hanno un’adeguata educazione finanziaria e gli operatori lo sanno, sbandierandoti previsioni di mercato, grafici, formulazioni matematico statistiche che nemmeno loro comprendono.

Prendere corrette decisioni di investimento ha più a che fare con te stesso che con i mercati finanziari: bisogno di sicurezza, di protezione, desiderio di guadagno, aspirazione a raggiungere gli obiettivi di vita riguardano solo te, tu come persona, padre e madre di famiglia e non gli indici di borsa!

La vera consulenza finanziaria deve seguire la procedura di un medico che arriva ad una diagnosi raccogliendo TUTTE le informazioni dal paziente, per prescrivere la terapia adeguata che deve essere aggiornata sulla base delle mutate esigenze e preferenze nel corso del tempo.

Se vuoi tornare ad avere il controllo degli investimenti e della tua vita e prendere decisioni consapevoli, allora inizia a seguirmi!

Per la tua tranquillità.

VENDITORE D'ASSALTO O VERO CONSULENTE FINANZIARIO? SCOPRI COME RICONOSCERLO

In questo articolo ti spiego come si riconosce un consulente vero da un venditore che ti vuole fregare (e rovina la categoria). Prima ti porto un caso vero, perché l’ho vissuto in prima persona. Poi ti racconto cosa fare per difenderti.

Tre mesi fa vengo contattato da un consulente finanziario di una nota rete nazionale: decido di incontrarlo perché voglio capire se posso imparare qualcosa.

Racconto una bugia (a fin di bene): mi dichiaro essere un impiegato e non un suo concorrente!

Lui si presenta e magnifica subito la sua mandante, poi mi pone alcune domande sulla mia posizione lavorativa e sulla composizione della mia famiglia. Subito manifesta impazienza e una certa fretta nell’avere le mie risposte alle quattro domande in croce che mi aveva posto. Per quale motivo secondo te?

Ovviamente, perché il consulente non vedeva l’ora di iniziare il suo show: sui migliori prodotti in grado di offrirmi, in termini di rendimento a uno e a tre anni; sul servizio di monitoraggio costante; sul controllo dei rischi.

FAI ATTENZIONE ALLE PROPOSTE FINANZIARIE SFAVILLANTI

Accende il tablet e mi fa vedere la mia asset allocation (!), ossia la composizione ideale di portafoglio in grado di soddisfare tutte le mie esigenze presenti e future. Mi presenta grafici sfavillanti dei prodotti consigliati, che dovrei sottoscrivere immediatamente senza avere avuto alcun accenno ai costi.

Quindi mi sta proponendo un pacchetto di prodotti finanziari senza nessuna domanda in merito alle mie esperienze, ai miei obiettivi, ai miei sogni, alla mia capacità di risparmio, ai miei debiti, a coperture assicurative in essere. Cose fondamentali che a lui non interessano, ma a me sì!

Sbalordito e accecato dagli effetti speciali, cerco di riprendermi e gli confido che in questo momento della mia vita personale e professionale faccio fatica a continuare ad alimentare il mio piano di accumulo attivato 10 anni fa (voglio proprio vedere dove va a finire la commedia!).

Il coraggioso consulente finanziario mi invita subito a sospendere il piano di accumulo antiquato che va a investire su uno scontato fondo azionario globale e mi suggerisce di iniziarne uno nuovo che si concentra sui mercati di frontiera. Tablet alla mano et voilà: sul suo schermo appare il grafico con rendimento a due cifre e prospettive positive per i prossimi anni.

Stampa Email

Hai fatto l’esame di coscienza… finanziaria?

Hai fatto l’esame di coscienza… finanziaria?

Domani interrogo! Ricordi questa frase del tuo professore di matematica o di latino e il silenzio disperato che calava in aula?

Per chi era preparato, bastava un ripasso pomeridiano per rinfrescare i concetti, ma chi non apriva libro da settimane, aveva due possibilità: cercare giustificazioni improbabili o offrirsi volontario in un giorno concordato e prepararsi alla gragnuola di domande.

Le domande sono il cuore della consulenza

Lo so cosa mi stai dicendo: ma che c’entrano i ricordi liceali con la consulenza finanziaria?

Arrivo subito al dunque. Quando incontri l’intermediario finanziario che gestisce i tuoi soldi o che vuole candidarsi a farlo, devi sforzarti di fornire spontaneamente informazioni che ti riguardano, sia come persona, sia come risparmiatore per evitare domande insistenti che ti potrebbero indispettire. Se vedi il consulente come un nemico che vuole intromettersi nei tuoi affari privati e sapere quanti soldi hai e come li stai investendo, è naturale che tu assuma un comportamento di difesa.

Non fartene una colpa, sei in buona compagnia: da una recente indagine condotta da Gfk Eurisko su “L’approccio alla finanza e agli investimenti delle famiglie italiane”, il 14% del campione di famiglie intervistato, ha dichiarato di non sentirsi in dovere di fornire all’intermediario informazioni complete e veritiere!

Permettimi: è come se tu andassi dal tuo medico perché vuoi risolvere un acciacco fisico che a lungo andare potrebbe diventare molto serio e ti rifiutassi di rispondere alle sue domande o fornissi informazioni incomplete su problemi avuti in passato o sui sintomi che accusi ora!

Stampa Email

PRENDI LE MISURE AL TUO CONSULENTE FINANZIARIO

Uno vale l’altro, così sembra funzionare nel nostro Paese!
Anche tu ti affidi all’operatore che è riuscito a coccolarti maggiormente, al più simpatico o a quello che ha la tua stessa fede calcistica?
Le alternative non ti mancano: bancari e dipendenti postali, consulenti finanziari di ogni tipo, private bankers, agenti assicurativi sono le figure professionali pronte a fornirti un aiuto disinteressato (!) per gestire il tuo denaro e il tuo futuro.
O peggio ancora, segui le dritte di un tuo parente che ha fatto fortuna all’estero?
Non offenderti, noi Italiani siamo così quando abbiamo a che fare con i soldi: ignoranti e faciloni, poco critici verso l’intermediario a cui abbiamo dato ampia delega per gestire i nostri risparmi! Risultato? Sottoscriviamo prodotti finanziari che tante volte si rivelano delle trappole mortali per il nostro denaro e che nulla hanno a che fare con gli obiettivi che ci siamo prefissati.
Gestire il presente e dare forma al tuo futuro dipende da te, è una tua precisa responsabilità occuparti dei tuoi soldi, ma se non sei in grado di farlo, ti devi affidare all’esperto!

Impara a chi consegnare le chiavi della tua tranquillità finanziaria
E’ inutile che tu maledica gli avvoltoi che ti stanno a poco a poco consumando i tuoi sudati risparmi.
Già mi sembra di sentirti: “Ma io non ho le competenze per capire se quello che mi hanno proposto in banca si addice al mio profilo e ai miei obiettivi, mi devo per forza fidare!” Hai perfettamente ragione, non puoi trasformarti in Warren Buffet, il famoso investitore americano, ma puoi fare una cosa semplice, per difenderti dai rapaci dello sportello: capire se l’operatore che ti trovi davanti è meritevole della tua fiducia!
Come?

Metti a nudo il tuo consulente con sette semplici domande.

Stampa Email

I VIDEO di Medico Finanziario